Germoplasma Viticolo Portinnesti

GIANFRANCO TEMPESTA
MONICA FIORILO
INDICE DEL CAPITOLO

4. Portinnesti minori di viteffig

 

I tre portinnesti più importanti e coltivati, Kober 5 BB, 1103 Paulsen e 110 Richter, con l’80% del loro utilizzo nella produzione di barbatelle innestate lasciano agli altri e numerosi rimanenti soltanto un 20%. Si tratta di viticolture con particolari limiti quali: l’elevato tenore di calcare attivo (41 B), la richiesta di minori vigorie o particolari esigenze pedoclimatiche. Per queste la risposta del vivaista a tali esigenze prevede l’impiego di altri ibridi:

 

› Vitis berlandieri x Vitis riparia

S.O.4 e BINOVA: portinnesti presenti con oltre 320 ha nei campi di piante madri, per lo più dedicati all’esportazione. Sono ora poco richiesti dal viticoltore italiano sia per il dimorfismo già accennato, sia per lo scarso assorbimento del magnesio che li caratterizza e, per questo, se impiegati in combinazione con alcuni vitigni quali Cabernet - Sauvignon e Trebbiano toscano favoriscono il manifestarsi del disseccamento del rachide.

420 A: portinnesto di antico utilizzo per l’equilibrio vegeto-produttivo, oggi in disuso per la particolare suscettibilità all’Agrobacterium vitis presente nei reimpianti.

161.49 C e 157.11 C: si tratta di portinnesti a volte confusi fra loro oggi utilizzati in alternativa al 420 A in quanto sopportano il reimpianto o per particolari areali del Sud Italia (Puglia), per la discreta resistenza sia al tenore di calcare, sia alla siccità.

› Vitis riparia x Vitis rupestris: Utilizzati per impianti fitti nei quali si richiede un basso vigore vegetativo. Sono richiesti in viticolture di eccellenza quali il Collio su alcune varietà. Trovano limiti per la scarsa resistenza all’asfissia e alla clorosi ferrica. Si tratta di portinnesti che attualmente sono in netto disuso.

› Altri ibridi: Di questi il solo 41 B (cv Chasselas x Berlandieri) è richiesto, seppure in quantità limitate, in particolare nell’area veronese, adatto a terreni di matrice dolomitica e vocati a vini di qualità (Amarone).

fu

Torna all'inizio della pagina

.

De Vulpe et Uva. Copyright © 2013. All Rights Reserved

RICERCA

WEB DIRECTOR

Gianfranco Tempesta
Email: gftempesta@devulpeetuva.com

WEB EDITOR

Monica Fiorilo
Email: mfiorilo@devulpeetuva.com

WEB DESIGNER

Freddy Fiorilo
Email: ffiorilo@devulpeetuva.com
DVEU

Tel: + (39) 348 594 1756

Copyright (c) De Vulpe et Uva - All rights reserved

POWERED BY: VIVAIO ENOTRIA