CAP II - ECONOMIA VITIVINICOLA ITALIANA

ECONOMIA VITIVINICOLA ITALIANA

Il “Mondo Vino” percepisce e concentra la sua attenzione nell’etichetta, nelle opinioni dei sommelier e nel mercato. Pochi si domandano l’origine, le fatiche diarie, i sudori e le aspettative del viticoltore. Bacchino

Scopo di questo capitolo è la stima di quanto va al viticoltore partendo dal valore del vino sfuso franco cantina, per ricavare la redditività del vigneto; da cui dipende il rinnovo o l’abbandono..

Va sempre ricordato che il vigneto per mantenersi vitale dovrebbe avere un fisiologico rinnovo dal 3,5 al 4,0% annuo. Il ciclo vitale di 25 – 35 anni determina una grande inerzia!

Il sistema vitivinicolo italiano è frutto della continua evoluzione e capacità di adattamento alle richieste di mercato nelle sue diverse espressioni – che si basano su specifici fondamenti culturali e storici.

Situazioni e realtà differenti, ma i cui fondamentali convivono e mutano in armonia con l’evoluzione del tessuto economico e sociale. Il divenire storico e il differente peso degli attori pubblici e privati influiscono nell’universo decisionale.

logo

 

 

GIANFRANCO TEMPESTA
MONICA FIORILO

Lettura critica:
PAOLO ANTONIAZZI

Torna all'inizio della pagina

De Vulpe et Uva. Copyright © 2013. All Rights Reserved

Copyright (c) De Vulpe et Uva - All rights reserved - Disegnato da: Freddy Fiorilo Email: ffiorilo@gmail.con
POWERED BY: VIVAIO ENOTRIA